Usare le Raccolte Google+

ateacme-raccolte-googleplus

Come usare le Raccolte Google+ per il tuo Business

Uno strumento molto utile messo a disposizione da Google+ è costituito dalle Raccolte (o Collections) che permettono di dividere i post in vere e proprie sottocartelle.

La divisione in argomenti è comoda per gli utenti soprattutto quando vengono pubblicati molti post, magari su tematiche piuttosto diverse tra loro, pur con un filo conduttore. Gli utenti potranno infatti scegliere quali Raccolte seguire senza essere inondati da post a cui non sono interessati.

L’azienda dal canto suo aumenterà, con la specificità di relazione tra post e target, l’interazione e l’engage di quest’ultimo.

In questo articolo approfondiremo l’argomento individuando alcuni modi in cui usare al meglio le Raccolte Google+ per il proprio business.

Salva

Salva

10 spunti per usare al meglio le Raccolte Google+

1) Creatività

Suggerimenti d’uso del prodotto, progetti creativi, ricettari, sono tutte tipologie di raccolte che possono aumentare la soddisfazione del cliente e la frequenza d’uso del prodotto. Qui le aziende possono sbizzarrirsi nella creazione di post con le spiegazioni dettagliate su come fare qualcosa da sé usando uno o più prodotti di una o più linee.

2) Tutorial

Strettamente connesso al primo punto è la creazione di raccolte ancora più specifiche con veri e propri tutorial e video tutorial su specifici usi del prodotto spiegati passo passo, oppure su come risolvere problematiche connesse all’uso o alla configurazione del prodotto (in particolar modo per quelli tecnologici).

3) Cosa fare/vedere

Itinerari turistici ed eno-gastronomici, mostre temporanee e permanenti, musei, concerti, eventi speciali, sagre, foto-cartoline sono tutte tipiche raccolte da creare per Hotel, B&B, Associazioni turistiche e culturali per stimolare la curiosità di tantissimi utenti.

4) Servizi offerti

Un altro modo di usare le Raccolte di Google+ per il proprio business è quello di dividere i post in base agli specifici servizi offerti dall’azienda. In tali raccolte si possono poi anche pubblicare testimonianze degli utenti (o chiedere agli utenti di pubblicarle direttamente nella Raccolta) ad esempio relativamente alla qualità di un servizio post-vendita.

5) Argomenti editoriali

Nelle pagine Google+ di quotidiani, riviste, radio e TV è comodo creare raccolte tematiche che rispecchino la divisione tra rubriche, programmi ed altre divisioni di argomenti editoriali trattati al di fuori del web.

6) Località

Le grandi catene (ad esempio alberghi, negozi, supermercati) che hanno servizi o offerte diversi in luoghi differenti possono creare specifiche raccolte divise per località

Quali sono le Raccolte AT&ACME su Google+? Attualmente abbiamo creato 4 raccolte, divise per argomenti che possono in diversi modi interessare i nostri clienti: innanzitutto i ``Tutorial e consigli utili``, poi la raccolta di ``Citazioni e frasi celebri``, quella relativa agli ``Allestimenti`` - perché rispetto agli altri servizi offerti questo ha maggior bisogno di mostrare foto e video dei singoli lavori realizzati e, quindi, di pubblicizzare specificamente l'evento inserito nel nostro portfolio - e infine quella più generica relativa al resto del nostro portfolio. Rispetto agli spunti illustrati in questo post, abbiamo quindi scelto i Tutorial, i Servizi e gli Argomenti (editoriali).

7) Calendario

Per le aziende che organizzano corsi, serate ed eventi o che comunque pubblicano post con cadenze ricorrenti, le Raccolte di Google+ sono un ottimo modo di dividere i vari argomenti: Corsi di marzo/aprile, Il Mercoledì degli studenti/Il giovedì latino-americano, Collezione primavera-estate/autunno-inverno e così via.

8) Target

Locali, Villaggi turistici ed altri tipi di strutture simili possono dividere i contenuti distinguendo tra vari tipi di target: ad esempio chi deve ancora decidere se il posto gli piace, chi lo ha già scelto e cerca eventi a cui partecipare/cose da fare, chi ci è già stato e vuole un ricordo dei momenti trascorsi lì.

Ovviamente anche la più classica divisione tra pubblico maschile/femminile o adulti/bambini può generare Raccolte differenti

9) Promozioni/offerte

Le Raccolte possono essere usate per distinguere (e quindi evidenziare) i contenuti promozionali da quelli che non lo sono, quindi ad esempio i suggerimenti d’uso, i tutorial e altri contenuti simili. Le Raccolte di promozioni ed offerte conterranno anche coupon scaricabili ed informazioni relative a concorsi e giochi a premio.

10) Tematiche Sociali

Quando le aziende organizzano delle campagne o iniziative sociali può essere utile evidenziarle in raccolte specifiche: questo vale soprattutto per le aziende no-profit ma non solo per loro.

In questo articolo abbiamo visto 10 spunti su come usare le Raccolte Google+ per il proprio business.

Ovviamente non si tratta di modi alternativi tra loro e mutuamente esclusivi: ciascuna azienda potrà sceglierne contemporaneamente più di uno e trovare la combinazione migliore tra essi per rivolgersi nella maniera più adeguata al suo specifico pubblico.

Inoltre il bello delle Raccolte Google+ è che possono essere sempre implementate e rimodulate seguendo nuove esigenze aziendali o, perché no, richieste specifiche degli utenti.

Nessun commento

Invia un commento

Your email address will not be published.